TrashProgetto

Trashmov è arte della denuncia.

Quello che non riusciamo più a vedere, che non vogliamo vedere perché manifestazione di un degrado intollerabile, il palcoscenico di Trashmov lo porta sotto i riflettori. 

L'esaltazione ironica del brutto come opera d'arte è gesto di ribellione e provocazione a togliere dagli occhi la benda dell'indifferenza e dell'assuefazione. E reagire.

 

Trashmov coniuga arte e coscienza civile.

Per questo è nelle strade e nelle piazze. Sollecitando il dialogo e il coinvolgimento dei cittadini resistenti che vogliono non solo far sentire la propria voce, ma fare

Per prenderci cura, come comunità, di quello che ci appartiene: il territorio e le relazioni che costituiscono il senso.

Bonificando la discarica in cui la globalizzazione ha trasformato le città (Zygmunt Bauman, 2005).

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.